Si possono fare delle previsioni sulla quotazione del petrolio?

Se avete in programma di investire sul corso del petrolio di borsa a partire da una piattaforma di trading è evidente che dovrete fare delle previsioni sulla quotazione del petrolio. Ma com’è possibile prevedere i futuri movimenti del prezzo del barile a breve o a più lungo termine? È quanto vi proponiamo di scoprire qui in dettaglio con alcune spiegazioni sui metodi di analisi da utilizzare per prevedere il rialzo o il ribasso della quotazione del petrolio.

 

Come fare una previsione a breve termine sulla quotazione del petrolio?

Interessiamoci prima di tutto ai metodi che permettono di prevedere l’evoluzione a breve termine del prezzo del petrolio.

Se dedicate soltanto poche ore al giorno al trading del petrolio tramite i CFD di un broker Forex, dovrete interessarvi all’evoluzione a breve termine del corso del petrolio. Sono quelli che vengono chiamati micromovimenti che vi saranno più utili. Per anticipare tali micromovimenti utilizzerete principalmente l’analisi grafica studiando ed analizzando i seguenti indicatori:

  • Le tendenze. Trattare all’interno di una tendenza forte è senza dubbio il modo migliore di ottenere dei profitti sul petrolio, soprattutto se siete principianti. Se osservate una tendenza forte e duratura, questa avrà ottime possibilità di proseguire nel breve termine.
  • I supporti e le resistenze. Un livello di supporto tecnico è il livello più basso raggiunto da una tendenza in un intervallo dato. Qualora tale supporto sia superato al ribasso, si ha l’indice di un proseguimento della tendenza ribassista e, al contrario, se non viene superato, indica un’inversione al rialzo. Il livello di resistenza corrisponde invece al livello più alto raggiunto in questo stesso periodo. Qualora venga superato la tendenza continua al rialzo e in caso contrario si inverte al ribasso.

Esistono anche altri indicatori tecnici più complessi che permettono una previsione a breve termine sul prezzo del petrolio, per esempio le medie mobili, ma non le tratteremo qui.

 

Come fare una previsione a lungo termine sul corso del petrolio?

Occupiamoci ora delle evoluzioni del petrolio a più lungo termine, previsioni che permettono di tenere posizioni lunghe con i CFD. Per fare una previsione lunga sui prezzi del petrolio si utilizzerà maggiormente l’analisi fondamentale. Questo metodo consiste nell’analizzare gli eventi che influenzeranno la quotazione al rialzo o al ribasso attraverso:

  • l’evoluzione del dollaro statunitense
  • la produzione e le quote dell’OPEC
  • la pubblicazione delle scorte di petrolio statunitense
  • i conflitti geopolitici che interessano i paesi produttori
  • la salute dell’economia mondiale

 

Quali sono le attuali previsioni sulla quotazione del petrolio?

Le attuali previsioni sulla quotazione del petrolio divergono a seconda della durata dell’investimento. Infatti, se da una parte le previsioni a medio termine sono incerte con delle alte probabilità di successivi movimenti correttivi al ribasso e al rialzo, le previsioni a più lungo termine rimangono complessivamente positive con una forte probabilità di rialzo.

Dal 2016, la quotazione del petrolio subisce dei rovesci in particolare in seguito ai conflitti che hanno colpito i paesi produttori ed all’aumento di produzione del petrolio di scisto negli Stati Uniti e in Russia. Si è quindi assistito a dei movimenti rialzisti e ribassisti successivi con gli investitori che faticavano a scegliere in quale direzione prendere posizione. Secondo gli analisti e le previsioni dell’AIE (Agenzia Internazionale dell'Energia), questa incertezza dovrebbe protrarsi ancora almeno fino a fine 2018. Sono in causa in particolare le drastiche quote dell’OPEC che fanno sì che certi paesi produttori come l’Arabia Saudita debbano ridurre la produzione mentre gli Stati Uniti e la Russia continuano a produrre in quantità. A seconda dei prossimi accordi e sviluppi è quindi possibile che nei prossimi mesi si assista ancora ad un’evoluzione a dente di sega.

Per quanto riguarda le previsioni sulla quotazione del petrolio a più lungo termine, queste sono nettamente più positive ed ottengono il consenso degli analisti circa una ripresa rialzista lunga. Infatti, gli indicatori utilizzati per analizzare le possibilità di evoluzione della quotazione del petrolio a lungo termine riguardano principalmente la domanda e l’offerta. Non si può non constatare che la domanda continuerà a crescere per ancora diversi anni se non decenni, in larga misura per via dello sviluppo dell’industria nel mondo e della ripresa della crescita economica. In parallelo, la produzione che ad oggi è in eccedenza dovrebbe progressivamente ridursi per via dell’esaurimento di alcuni giacimenti e della difficoltà da parte delle compagnie petrolifere nel trovarne di nuovi. Bisogna anche notare che, da un punto di vista speculativo, questa situazione porterà certamente ad un’ondata di acquisti strategici da parte degli investitori il che farà salire i prezzi.

 

Utilizzare queste previsioni per prendere posizione sulla quotazione del petrolio

Che si tratti di previsioni sulla quotazione del barile di petrolio a lungo o a breve termine, potete utilizzarle a vostro vantaggio per prendere posizione su questa materia prima con l’aiuto dei CFD.

Se optate per una posizione lunga rialzista, è importante mettere in conto un capitale sufficientemente elevato per resistere alle variazioni ribassiste di un mercato sottoposto a delle oscillazioni caotiche. Prevedete inoltre degli ordini stop e limit abbastanza ampi per raggiungere i vostri obiettivi senza tagliare le perdite troppo presto.

Se fate ricorso ad una strategia di investimento a breve termine, utilizzate i dati fondamentali del calendario economico, le news del mercato del petrolio e, ovviamente, l’analisi tecnica per fare delle previsioni affidabili sulla rapida evoluzione della quotazione del barile e profittare di tutte le opportunità strategiche.

Come utilizzare queste previsioni per trattare il petrolio?

Tutti i broker CFD propongono di trattare il petrolio mettendo a disposizione dei trader gli strumenti necessari a tali previsioni con dei grafici che includono degli indicatori e il calendario economico.