Quali sono le prospettive economiche del petrolio?

Dal momento che il mercato del petrolio sembra subire un calo senza precedenti da ormai diversi mesi gli investitori si chiedono quali siano le prospettive economiche di questo attivo per gli anni a venire. Per aiutarvi a vederci più chiaro, vi proponiamo di ritrovare qui le previsioni a medio e lungo termine degli specialisti di questo mercato. Grazie a queste indicazioni potrete realizzare delle strategie efficaci sul petrolio online.

 

Il ribasso del petrolio dovrebbe continuare nel 2016

La prima constatazione fatta dagli analisti del mercato petrolifero riguarda la probabile prosecuzione nel 2016 dell’attuale ribasso. Ancora quest’anno, infatti, l’offerta di petrolio dovrebbe risultare in eccedenza per via dell’aumento della produzione iraniana che continuerà a far crollare i prezzi, tenuto conto del fatto che la domanda si mostra meno forte di quanto inizialmente previsto.

Con l’annullamento, in seguito agli accordi sul nucleare, delle sanzioni economiche imposte all’Iran, la produzione internazionale dovrebbe infatti aumentare ulteriormente di circa 300.000 barili al giorno entro il secondo trimestre.

Ci si attendeva una ripresa rialzista grazie alla diminuzione della produzione da parte dell’OPEC ad inizio anno ma questo nuovo dato arriva a rinforzare i timori dell’Agenzia Internazionale dell’Energia circa la prosecuzione del calo dei prezzi. Si ricordi che il prezzo del barile si è quasi dimezzato dal 2014, cosa che costituisce un ribasso storico su questo mercato che negli ultimi anni si è mostrato solitamente al rialzo.

 

Una ripresa si annuncia a lungo termine

Gli investitori che puntino su una strategia a lungo termine sul petrolio possono comunque sentirsi rassicurati in quanto si prevede una ripresa rialzista negli anni a venire. Tutti gli specialisti del mercato concordano infatti nel dire che l’attuale ribasso dei prezzi dovrebbe portare ad una fiammata speculativa entro i prossimi mesi o al massimo nel 2017.

È quindi una scelta oculata il prendere posizione sul barile di petrolio oggi stesso o attendere un ribasso più forte e profittare così del futuro rialzo dei prezzi. Secondo l’OPEC, infatti, il prezzo del barile di petrolio potrebbe aumentare in media del 5% l’anno da qui al 2020 e raggiungere così a questa data gli 80 dollari al barile. Questa prospettiva è estremamente interessante per tutti i trader privati perché ciò rappresenta un plusvalore del 41% in soli 4 anni.

Se decidete di prendere posizione oggi stesso, fate attenzione a a ben posizionare gli ordini stop per non perdere il vostro investimento qualora si verificasse un ribasso troppo forte del corso del petrolio prima dell’annunciata ripresa.

Profittare delle prospettive economiche del petrolio

Per profittare delle prospettive economiche del petrolio sia a breve che a più lungo termine, registratevi subito presso un broker che proponga i CFD sul petrolio e prendete posizione tanto all’acquisto quanto alla vendita per ottenere dei profitti online.