Raffinazione del Petrolio: Cos’è e Come Funziona il Processo di Raffinazione del Petrolio

Quando si parla di petrolio l’immagine comune è quella di un liquido nero, quindi poco si conosce della composizione dello stesso e di tutto il processo di raffinazione che porta a divenire il petrolio un liquido nero. Qui in questa breve guida per te si è scelto di precisare:cos’è il petrolio e come funziona il processo di raffinazione del petrolio.

Lo scopo è offrire al lettore attraverso appropriata terminologia un quadro preciso delle principali caratteristiche del petrolio e di come sia possibile trasformare lo stesso in una delle materie liquide esistenti in natura su cui si basa gran parte del sistema economico mondiale.

Cos’è il petrolio?

Per farti capire il petrolio non è un semplice liquido, in esso vi sono delle componenti chimiche che trattate secondo procedure specifiche possono trasformarsi ed essere utilizzate per gli impieghi più diversi come carburante per le auto o per i riscaldamenti o materia prima per la produzione di oggetti in plastica ecc…

Il petrolio è un mix di “idrocarburi” (“idrogeno e carbonio”), che variano a seconda della qualità e del luogo di provenienza di estrazione dello stesso.
Tra gli idrocarburi che lo compongono e lo rendono un liquido “infiammabile” vi sono alcune elementi chimici (zolfo) che ne alterano la qualità, e vanno eliminati al fine del suo massimo utilizzo. Il petrolio è una risorsa che nasce spontaneamente in natura in alcuni luoghi del mondo tale da non poter essere riprodotta artificialmente, un bene prezioso al punto che in termini giornalistici è conosciuto come “oro nero”.

Come Funziona il Processo di Raffinazione del Petrolio

E’ bene che tu sappia che il processo di raffinazione del petrolio implica delle fasi specifiche tra loro collegate, è, infatti, sporadico che il petrolio venga utilizzato nella sua forma grezza. La prima fase è detta della “decantazione, desalificazione e stabilizzazione”: un’operazione meno complessa di quanto tu possa immaginare, in questa fase il petrolio viene ripulito da tutti gli elementi che intaccano la sua purezza come acqua, zolfo o altri minerali.


La seconda fase è detta della “distillazione frazionata”: tale operazione devi sapere che somiglia a quella di distillazione dell’alcool, il petrolio viene portato ad altissime temperature, che cambiano a seconda della stato grezzo del petrolio, importante, tuttavia, in ogni caso, è che si raggiunga l’ebollizione.
Al fine di attuare la distillazione si usa una particolare attrezzatura composta da piatti dislocati a diverse altezze da dove il petrolio distillato fuoriesce per, poi, essere ulteriormente raffinato.

La terza ed ultima fase è detta “raffinazione”: devi sapere che il petrolio grezzo ha bisogno di subire dei processi di raffinazione per poter essere impiegato a livello industriale, privato e commerciale. Una volta terminata la fase della distillazione, attraverso la raffinazione vengono scartate le impurità o modulati gli idrocarburi presenti nel petrolio al fine di ottenere la miscela desiderata.

Disclaimer
bariledipetrolio.it è un sito con finalità esclusivamente didattiche, i contenuti presenti non devono essere intesi in alcun modo come consiglio operativo di investimento né come sollecitazione alla raccolta di pubblico risparmio. Qualunque strumento finanziario venga eventualmente citato é solo a scopo educativo e didattico. Gli articoli di questo sito non costituiscono servizio di consulenza finanziaria né di sollecitazione al trading online.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro. Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *